Pubblicato il Lascia un commento

“Tesori da valorizzare…” – Nota dell’editore

La mia breve nota introduttiva dell’ultimo libro di Agostino Gennaro “Tesori da valorizzare…”:

Sono rientrato in Calabria nel 2008, dopo aver completato e perfezionato i miei studi universitari e postuniversitari.
L’obiettivo che mi sono posto allora e che ho portato avanti con sacrificio, passione e sistematico impegno è stato (ed è) sempre il seguente: creare qualcosa nella mia terra, possibilmente in ambito culturale per valorizzare le sue bellezze ed i suoi tesori.


Agendo in tal senso, un passo alla volta, ho realizzato un seguitissimo blog, Vibonesiamo.it, e un marchio editoriale che porta il mio nome e cognome: per me un sogno, un sogno che va avanti con sempre rinnovato vigore e entusiasmo da ormai un decennio.
Nel 2016, assieme ai ragazzi dell’associazione vibonese Mnemosyne, per raggiungere un qualcosa di tangibile e concreto, organizzammo un convegno a Caria di Drapia, incentrato proprio sul recupero del patrimonio culturale e archeologico del comune nel quale vivo. Allora decidemmo di intitolare il convegno “Tesori da valorizzare”. E per questo che ho voluto dare – con il consenso dell’autore – il medesimo titolo a quest’opera.
Parteciparono all’incontro esponenti della cultura locale e le massime autorità regionali, sempre in ambito culturale, che assicurarono massimo impegno per recuperare almeno una di queste meraviglie: la Grotta di Santu Liu. Poi le cose sono rimaste pressoché identiche a prima. Ma la battaglia in tal senso è continuata, sui portali, sui blog, sui giornali, attraverso i libri, sempre con il medesimo obiettivo: valorizzare questi tesori.
Un impegno che, quindi, si protrae e – oggi – si rinnova grazie all’opera di Agostino Gennaro, fraterno amico, appassionato di storia locale, attento ricercatore e narratore.
In essa, costata impegno, energie e risorse, ampio risalto è stato dato non solo ai luoghi dove sono avvenuti scavi o dove si trovano monumenti rilevanti, ma anche e soprattutto alle persone coinvolte in questo lungo e difficoltoso cammino. Alcune di esse non sono state mai degnamente omaggiate, ma la loro attività è stata fondamentale e ci ha permesso, tra le altre cose, di essere ancora qui a approfondire, raccontare, e… sperare. Sperare che davvero, un giorno, tutti questi tesori possano essere, davvero, valorizzati.

Mario Vallone

VAI ALLA SCHEDA DEL LIBRO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.