Pubblicato il Lascia un commento

“La notte più buia”

Un “brano” del libro “Incubi grotteschi di esiliati sognatori”, scritto dal giovane autore ravennate Antonio Pilato, volume da me pubblicato col marchio Mario Vallone Editore.

m.v.

La notte più buia

Quando sono immerso nella notte più buia, la luna splendente nel cielo stellato mi ricorda un filosofo che compie continue analisi sulla pragmatica razionalità.

Raramente la notte più buia compare nella veglia di un uomo ma, quando succede, avviene l’inevitabile.

La notte più buia di per sé non si presenta oscura poiché addobbata dalla candida luce lunare e da milioni, forse miliardi, di stelle.

Se dovessi paragonarmi a un esteta, affermerei senza alcun dubbio che la notte più buia abbia una parvenza romantica, intrisa di misterioso fascino anche grazie alle fioche luminescenze celesti.

La notte più buia potrebbe persino toccare la seduzione perché la sua natura è esteticamente gradevole. Esteticamente.

Ma io non sono un esteta e non gradisco affatto la notte più buia.

Se fuori tutto brilla senza disagio, dentro avviene l’esatto contrario: le ansie per l’ignoto si nutrono del vacillante coraggio umano e cominciano a crescere in macabri spasmi; da spasmi regrediscono in rachitici timori e, alimentandosi a vicenda, si trasformano in pura paura…

Antonio Pilato

LINK PER ACQUISTARE IL LIBRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.