Posted on Lascia un commento

Un libro che si presenta da solo

Ieri sera a Tropea abbiamo presentato il libro “Flora spontanea nel circondario di Capo Vaticano”, scritto da Franco Laria e da me pubblicato.

Un grazie, di cuore, a tutti i numerosi presenti.

Le copie della prima tiratura del volume sono quasi finite.

A breve andremo in ristampa e organizzeremo altre presentazioni.

Di seguito il breve racconto della serata firmato da Agostino Gennaro.

Se desiderate acquistare una delle ultime copie del libro senza aspettare la ristampa compilate la scheda al seguente link: vai al sito.

Ad Maiora!

Mario Vallone

___________________________________

Dopo aver il cielo, le colline e il mare ammirato, a completare la giornata, un incontro culturale sulla flora spontanea, a me tanto cara, mi ha deliziato.

Mario Vallone Editore e Circolo Legambiente di Ricadi presentano il libro di Franco Laria “FLORA SPONTANEA nel circondario di Capo Vaticano”.

Un libro, ad onore del vero, che si presenta da solo, ben 113 specie di piante autoctene illustrate con splendide foto a colori che, nell’arco di un ventennio di non facile ricerca e messa a fuoco per renderle visibili nei minimi particolari, l’autore ha personalmente scattato tra la vegetazione spontanea dei luoghi di origine, corredate dal nome scientifico, nome volgare, famiglia di appartenenza, proprietà ed utilizzo: commestibilità e uso farmacologico.

Per cui ai relatori Franco Saragò, don Pasquale Russo e al moderatore Mario Vallone è rimasto solo il compito di illustrare ai convenuti l’importanza che riveste questo nuovo libro rispetto ad altri interventi scientifici che, pur avendo classificato la vegetazione della costa e delle fiumare di Capo Vaticano, sono poco noti o addirittura misconosciuti. Tranne la felce bulbifera, Woodwardia radicans, che ebbe una grande risonanza ma che finì anch’essa nel dimenticatoio. 


Questo bel libro di Franco Laria, come il suo intervento di questa sera, oltre ad impartirci una lezione culturale in campo botanico è un accorato appello alle coscienze affinché questa ricchezza e bellezza delle piante autoctene, in rischio di estinzione, del nostro territorio venga preservata e non sacrificata al dio denaro.

Agostino Gennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *