Pubblicato il Lascia un commento

L’ultimo libro di Pasquale De Luca

La premessa del libro di Pasquale De Luca “Teresa, come un petalo di rosa…una mattina portò a sua madre un cartoccio di zucchero bianco”, da me pubblicato col marchio Mario Vallone Editore.

m.v.

Premessa: 

     Amico lettore,

a te che mi segui nel mio cammino letterario e che mi leggi, alla “morte” di Filomena avevo promesso che ti avrei raccontato una nuova storia.

     Una nuova storia viene raccontata in questo libro, che tu leggerai e giudicherai. Una storia che racconta il tempo, una storia che racconta le persone. Una storia nuova, una storia diversa, una storia che è la stessa storia. Perché la storia è sempre uguale, la storia non cambia mai. La storia è la storia dell’uomo e della donna che vivono giorno per giorno su questa terra, fanno essi la storia e non se ne accorgono. Fanno la storia con il loro lavoro, con il loro amore, con il loro peccato. Perché la storia è amore ed è peccato, questa è la Storia.

     La storia che leggerai è una breve storia. Breve, come “breve” è stato definito il secolo trascorso. Essa fa da sfondo al racconto dove i personaggi si muovono e agiscono insieme alla Storia, come attori sul palcoscenico della vita dove recitano, volontariamente o involontariamente, la propria parte in sintonia fra di loro.

     Una storia breve, intensa e drammatica. Una storia vera, falsa o inventata. Una storia che c’è stata. Una storia dove verità e immaginazione si confondono, corrono sul filo della fantasia, ma che non è fantasia. Una storia di ieri, che è una storia di oggi, forse anche di domani.

     Quello che leggerai, è la storia di una ragazza che porta una bandiera, una bandiera che segna la Storia. È la storia di una ragazza che vive la sua storia e va per la sua strada. Io ti racconto la sua storia, che è il trait-d’union o il punto di rottura fra due generazioni vissute con ansie e aspettative diverse a cavallo del ‘68. Che è un sogno e che segna il punto di passaggio tra il passato e il presente, lasciando in sospeso il futuro. Ti piacerà, non ti piacerà: la Storia è quella là.

     Buona lettura e, se hai tempo e voglia, seguimi ancora. Ti racconterò un’altra storia. Perché la Storia, la Storia non si ferma mai. Continua ancora, con l’umanità.

L’Autore

VAI ALLA SCHEDA DEL LIBRO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *