Pubblicato il

Scandix pecten-veneris

Un’altra pagina del libro “Flora spontanea nel circondario di Capo Vaticano” di Franco Laria – Mario Vallone Editore (vai alla scheda del libro).

__________

La Scandix pecten-veneris L. (volgarmente detta pettine di Venere) o acicula comune è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle apiaceae e al genere scandix dai frutti muniti di rostri a punta.

Etimologia: il nome del genere scandix era un nome che i greci davano ad una pianta selvatica, di cui ne facevano un uso alimentare e, sembra, da attribuire alla Scandix pecten veneris. Altra interpretazione, dal greco shazo, pungo, in riferimento alla forma delle infruttescenze, che assumono un aspetto di spillone o pettine, onde da questa caratteristica evidente anche l’origine dei nomi popolari: pettine di venere – spillone del pastore.

Proprietà ed utilizzi. Specie commestibile offici­nale: gambi e foglie delle giovani piante vengono usati nelle insalate miste. In campo erboristico viene impiegata la radice essiccata ritenuta stimolante dell’appetito e della digestione. Considerata diuretica ed antinfiammatoria, è usata nelle cistiti e gastroenteriti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *