Pubblicato il

Leggete “Hjuri d’ogni tempu”!

L’amico Mario Vallone che, bontà sua, si è preso cura del mio spirito preso di arsura innafiandolo, con le sue pubblicazioni, di buona lettura.

Oggi mettendomi in mano “Hjiuri d’ogni tempu” di Andrea Runco, una raccolta di Poesia in vernacolo, mi ha reso felice perché son cantici d’amore per la terra mia.

 

 

Il poeta Andrea Runco che si definisce in campo letterario, come me, un autodidatta con la passione per le cose belle, alle quali si può dar forma con la nobilissima arte della poesia. Così espressa:”A volte mi lascio andare tra le sue braccia e idealmente mi dissolvo in luoghi inesplorati, dove i miei sentimenti ibernati dal tempo, improvvisamente prendono vita sotto forma di una sequenza infinita di parole”.

Andrea runco

I suoi componimenti, come dice Franco Pagnotta nella presentazione del volume, “sono lo specchio di un’epoca, quella appartenente alla sua generazione, ma anche una finestra su un mondo che per molti versi continua a riflettere problematiche sociali, malesseri, lampi di gioia collettiva attorno alle feste di paese, costumi e tradizioni su cui l’occhio su sofferma ora con nostalgia, ora con rimpianto, ora con denuncia e invito a riscoprire valori che i tempi odierni sembrano volere cancellare”.
Costretto ad emigrare per ragione di lavoro, Andrea Runco l’attribuisce al destino, alla iettatura: “…ma cu mi fici a mia sta iettatura, Mu sugnu cundannatu u staiu fora… Non sopporta il cambiamento di clima:
“Sta nigghia mi trasi nta l’ossa
mi ‘ mpanna a vista e lu cori,
Comu canna di ventu scossa
Trema sta vita e pari ca morì…
E preso di nostalgia per la propria terra pensa “o iornu si veni” del ritorno a casa e sente
“…nu sono i campana.
Comu chija du paisi mio
Duvi c’è suli e mari d’incantu,
E ‘nci dici all’Eternu Dio:
Fammi tornari Mu sugnu cuntento”.
Sente il lamento della madre terra, la Calabria:
“ Grida sta terra malata di cori:
Aiu siti! Siti d’amuri
P’e figghi me’ luntani.
Aiu siti e non c’è acqua
C’astuta stu focu,
Focu d’amuri chi mi vruscia…”
E a questo lamento lo stesso autore nel sonetto successivo risponde, come figlio alla mamma, con lo stesso affetto:
“O terra mia, comu Sì vrusciata
Nta ‘stati cu tutta sta calura,
Ti viu tantu sula e abbandunata,
Pecchì ài na puvertà che fa paura.
E non ài chi gralimi pe’ ciangiri
Puru si no queta lu duluri
E certu non mi faci piaciri,
Sì tu soffri di vero amuri.
Pe’ chija parti di abitanti
Chi vannu e veninu i luntanu,
Facendu la vita d’emigranti
Pemmu ti dunanu na manu.
Anzi, ti offrinu Puru lu cori,
u megghiu di tutti li hjuri,
Sìnnò chianu chianu mori
e non s’avi a moriri pe’ amuri…”
Non vi dico altro, se volete deliziarvi,
come mi sono deliziato io comprate e leggete “Hjiuri d’ogni tempu ” di Andrea Runco, Mario Vallone Editore (vai alla scheda del libro).

 

Agostino Gennaro
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *